Indice dei Contenuti

Anatomia del dente vuol dire capire come è fatto un dente, quali sono le strutture cardine e in un certo senso imparare a comprendere cosa sta accadendo al cavo orale, soprattutto da un punto di vista fisiologico. La bocca, infatti, è una parte fondamentale del nostro corpo che ci permette di comunicare, mangiare e bere.

Il benessere dei denti va ad influenzare non solo il sorriso e la bocca ma tutto l’organismo. Per questo è necessario esaminare la loro anatomia e le loro funzioni.

Che cosa sono i denti

I denti sono delle strutture molto dure che si trovano nella nostra bocca e che sono deputati essenzialmente alla masticazione. La dentizione è quel processo di comparsa dei denti all’interno del cavo orale.

É importante riconoscere anche due tipologie di dentizione:

  • la dentizione decidua (da latte): si verifica nell’infanzia e riconosce 20 denti, di cui 8 incisivi, quattro canini e otto molare;
  • la dentizione permanente: riconosce 32 denti, 8 incisivi, 4 canini, 8 premolari e 12 molari e rappresenta l’insieme dei denti che si hanno fino alla vecchiaia.

Quali sono le parti di un dente?

Corona

È la parte superiore e visibile del dente. La forma della corona dipende dalla funzione che è assegnata al dente. Ad esempio, i denti anteriori avendo una funzione “tagliente” tendono ad essere con forma di cesello invece i molari hanno funzioni più piatte proprio per macinare.

Margine gengivale

È il punto di incontro tra denti e gengive. Importante l’utilizzo dello spazzolino in questo margine perché qui si accumulano maggiormente residui di cibo e quindi maggiormente placca  e di conseguenza batteri. Ideale in questo caso per eliminare tutti i residui gengivali anche l’utilizzo del filo interdentale per evitare disturbi come ad esempio, gengiviti.

Radice

La radice è la parte non visibile del dente che si trova all’interno dell’osso. Rappresenta i due terzi del dente e fa sì che l’intera struttura dentaria di mantenga fissa e in posizione.

Smalto

È lo strato più esterno del dente, duro e mineralizzato. In realtà è anche una parte delicata che ha bisogno di essere curata con pulizia del cavo orale quotidiana altrimenti tende a deteriorarsi.

Dentina

La dentina è lo strato del dente che si trova sotto lo smalto. Un suo deterioramento la porta a creare danni anche al dente fino alla polpa.

Polpa

É la parte più morbida del dente all’interno della quale si trovano i vasi sanguigni e i tessuti nervosi. In caso di carie il dolore può arrivare fino alla polpa.

Anatomia dente

Quanti e quali sono i denti: le tipologie

I denti presenti nella nostra bocca sono 32 divisi a metà tra arcata superiore ed inferiore. I denti da latte, invece, sono 20 e si dividono in 4 semi-arcate: due superiori e due inferiori.

Si riconoscono quattro tipologie di denti differenti a seconda della forma e della funzione: incisivi, canini, premolari e molari.

Incisivi

Sono i denti anteriori, taglienti.Sono posizionati al centro dell’arcata dentale e sono otto: quattro superiori (più grandi) e quattro inferiori (più piccoli) e si dividono in centrali e laterali. Sono a forma di cesello usati per tagliare il cibo, afferrarlo ed anche per questo hanno una forma piatta e larga. I due incisivi centrali inferiori sono quelli che compaiono per primi, solitamente durante il sesto mese. Gli incisivi permanenti, invece, spuntano tra 6 e 7 anni.

I denti incisivi sono posizionati al centro dell’arcata dentale e sono otto: quattro superiori (più grandi, soprattutto quelli centrali) e quattro inferiori (più piccoli). Si dividono in due incisivi centrali e due laterali.

Canini

I canini sono anche chiamato cuspidi per la loro vita punta e vengono utilizzati soprattutto per “tritare” il cibo. I denti canini sono 4, due si trovano nell’arcata superiore e sono più appuntati e robusti e due nell’arcata inferiore. I primi denti canini, compaiono tra i 18 e i 24 mesi di età, i permanenti tra i 9 e gli 11 anni

I denti canini sono quattro, due nell’arcata dentaria superiore (più robusti e appuntiti) e due in quella inferiore. Sono posti a fianco degli incisivi e hanno una sola radice, più lunga di quella degli altri denti.

La loro funzione è quella di strappare, incidere e sminuzzare i cibi.

I primi denti canini, nei bambini, compaiono tra i 18 e i 24 mesi di età. I canini permanenti spuntano invece in genere tra i 9 e gli 11 anni.

Premolari

Questi denti presentano due cuspidi appuntite sulla superficie masticatoria. Il loro compito è quello di tritare il cibo. I premolari sono otto, 4 posti nell’arcata dentaria superiore e 4 in quella inferiore. I denti premolari hanno una sola radice, la funzione è di triturare il cibo. Si tratta dei denti che sono presenti nell’infanzia, infatti quando si formano vanno a sostituire i molari da latte. Può succedere anche che in alcune persone non si sviluppino i secondi premolari inferiori.

Molari
I denti molari sono 12, 6 si trovano nell’arcata dentaria superiore e sei in quella inferiore. Sono posti dopo i denti premolari e vanno a chiudere le arcate dentarie. I denti molari, vicini ai premolari, sono i più grandi della bocca ed hanno una corona piatta sicuramente funzionale alla masticazione. Gli ultimi molari, i terzi, sono i denti del giudizio e potrebbero anche non nascere. I denti molari spuntano intorno ai 18 mesi di età e vengono sostituiti dai premolari permanenti. Sono utilizzati per lo più per tritare e importante è la loro funzione masticatoria. Non sempre i molari sono sei perché i 4 denti del giudizio, ovvero i terzi molari, possono essere presenti o solo in parte.

Igienista Dentale. Laureata in Igiene Dentale presso l’università La Sapienza di Roma con la votazione di 110 e lode. Attività di Tirocinio da gennaio 2015 presso il reparto di ortognatodonzia del Policlinico Umberto I di Roma e presso lo Studio dentistico Mazzei & Partners dall’aprile 2011. Ha partecipato a numerosi corsi e congressi in materia di Igiene Orale come Igienista Dentale. Associata AIDI (Associazione Igienisti Dentali Italiani) ed UNID (Unione Nazionale Igienisti Dentali) dal 2015 in qualità di socio ordinario. Ha conseguito il diploma di master “Tecnologie avanzate nelle scienze di igiene orale”, presso l’università “La Sapienza” di Roma con la votazione di 110 e lode. Iscritta all’albo degli igienisti dentali presso l’ordine di Roma.

Torna in alto