Logo studio dentistico Roma Mazzei,dentista Roma.

MAZZEI

IN ODONTOIATRIA

CARICAMENTO

Filo interdentale: quando e come utilizzarlo



 

Home » Adulti » Filo interdentale: quando e come utilizzarlo

A cosa serve il filo interdentale

Il filo interdentale è uno dei principali alleati dell’igiene orale che contribuisce ad avere un sorriso all’aspetto più sano e luminoso. Filo interdentale: quando e come utilizzarlo. L’azione esercitata dallo spazzolino, dal dentifricio e dallo scovolino non basta perché si rimuove solo il 50% della placca presente all’interno della bocca. Il filo interdentale, invece, riesce ad effettuare un’azione ancora più incisiva rimuovendo i residui di alimenti intrappolati tra i denti per la sua capacità di riuscire ad arrivare negli spazi interdentali e a bordo di quelli gengivali. Il filo interdentale è lo strumento ideale per prevenire carie e malattie gengivali proprio il suo giusto utilizzo perché permette di rimuovere la placca e di conseguenza il tartaro che può depositarsi tra i denti.

Filo interdentale: quando e come utilizzarlo

Come usare il filo interdentale

Nell’igiene quotidiana orale per la salute dei propri denti e gengive, è sempre utile tenere a mente i seguenti procedimenti:

  • spazzolare i denti;
  • utilizzare un dentifricio specifico per le proprie esigenze;
  • fare degli sciacqui con collutorio;
  • passare il filo interdentale;
  • utilizzare lo scovolino;
  • spazzolare la lingua;

I nostri dentisti e igienisti consigliano ai pazienti suggerimenti e accortezze su come usare il filo interdentale.

  1. Dopo essersi lavati denti e mani, si può afferrare il filo interdentale e avvolgerlo intorno al dito medio di ogni mano. In questo modo spingere il filo avanti e dietro passandolo per tutti i denti. Consigliamo di iniziare dai lati posteriori per poi continuare con quelli anteriori.
  2. Prendere il filo interdentale tra il dito indice di entrambe le mani passando tra i due denti andando ad esercitare una lieve pressione ma sempre stando attenti all’azione esercitata sulle gengive.
  3. Spostare il filo interdentale a zig zag tra i denti in modo da farlo arrivare su tutta la superficie del dente. In questo modo è come se la placca venisse tagliata.
  4. Successivamente si consiglia di far scivolare il filo interdentale tra la placca del dente e il margine gengivale.

Quando usare il filo interdentale

Il filo interdentale va utilizzato nei seguenti momenti:

  • prima di aver spazzolato i denti in modo tale da rimuovere i residui di cibi rimasti intrappolati tra i denti e facilitare lo spazzolamento.
  • Dopo aver lavato i denti: il filo interdentale si può usare anche dopo lo spazzolamento dei denti.
  • Dopo aver utilizzato il filo interdentale eseguire gli sciacqui con il collutorio.

Per noi dentisti e igienisti è indifferente se utilizzate il filo interdentale prima o dopo, l’importante è utilizzarlo in maniera corretta. 

Al fine di far esercitare in maniera considerevole l’azione di prevenzione, è necessario passare il filo interdentale tutti i giorni altrimenti l’azione di prevenzione si ridurrà notevolmente.

È importante saper utilizzare in maniera corretta il filo interdentale sia per eliminare i depositi di cibo intrappolati tra i denti ma non va passato in maniera frettolosa perché potrebbe incidere in maniera negativa sulla salute delle gengive, irritandole o lacerandole.

A cosa serve il filo interdentale?

Come anticipato precedentemente il filo interdentale è fondamentale per mantenere denti sani dall’aspetto più luminoso. Il corretto utilizzo del filo interdentale, infatti, previene la carie e e problematiche gengivali causate proprio dalla presenza eccessiva di placca e tartaro interdentale.

Tutti dovrebbero utilizzare il filo interdentale, anche i bambini soprattutto dopo che hanno sostituito i denti da latte con quelli permanenti.

Tipologie di filo 

Esistono tre tipo di filo interdentale:

  • filo interdentale spugnoso ideale soprattutto per chi è sottoposto a trattamenti ortodontici: per persone che indossano un apparecchio ortodontico, in presenza di impianti o ponti
  • filo interdentale cerato: è costituito sempre da nylon ricoperto di cena. È indicato soprattutto per coloro che tendono ad avere un maggiore deposito di tartaro e poco spazio tra i denti perché tende a scivolare più facilmente sulla superficie dei denti.
  • Filo interdentale non cerato: è ancora più abrasivo.




[masterslider alias=""] [masterslider alias=""][masterslider alias="ms-88"]  




2020, Ottobre 21

Pulizia dei denti profess...

[vc_row][vc_column][vc_column_text] 1. Pulizia dei denti professionale: perché è importante...

2020, Ottobre 7

Parodontite e malattie ca...

Alcuni studi clinici e scientifici hanno testimoniato che esiste una stretta correlazione tra...