Logo studio dentistico Roma Mazzei,dentista Roma.

MAZZEI

IN ODONTOIATRIA

CARICAMENTO

Studi Mazzei & Partners

Parodontite.



Ecco a voi l’origine della malattia parodontale.

Una malattia che arriva ad interessare fino al 90% della popolazione mondiale.

La forma più lieve, ovvero la gengivite, coinvolge solo il tessuto gengivale attorno al dente che presenterà gonfiore, rossore e aree di sanguinamento, sia durante lo spazzolamento che in maniera spontanea. Non interessa le strutture più profonde dell’apparato di sostegno del dente e, dunque, è reversibile. Generalmente la causa della gengivite sono i batteri presenti nella placca che si accumula nel solco gengivale. In tal caso risulta dovuta ad una cattiva igiene orale del paziente. Per questo, con una sola seduta di igiene orale e ovviamente le istruzioni dell’igienista per spazzolare correttamente i denti, il paziente avrà un grande giovamento in soli 10 giorni, tempo nel quale l’epitelio gengivale si rinnova, eliminando totalmente l’infiammazione.

La parodontite, volgarmente nota come piorrea, è caratterizzata da una perdita di attacco ovvero una gengivite cronica mantenuta nel tempo. Ciò fa sì che l’infiammazione si diffonda ai tessuti profondi del legamento parodontale e dell’osso che iniziano a riassorbirsi. L’eziologia della parodontite è multifattoriale: la causa principale, ovvero la condizione necessaria e sufficiente allo sviluppo della malattia parodontale è costituita dal biofilm batterico, cioè dalla placca e dal tartaro; ci sono poi varie concause dipendenti dallo stile di vita come il tabagismo, il consumo di alcol, la nutrizione (deficienza di vitamine e proteine), e lo stress  che favoriscono l’insorgenza di episodi acuti di infiammazione e su cui il paziente può autonomamente intervenire.

Ci sono poi fattori non modificabili, come la genetica e le malattie sistemiche come diabete e malattie dell’apparato cardiocircolatorio che favoriscono l’insorgenza della malattia parodontale. A sua volta, la malattia parodontale può provocare un peggioramento dello stato di salute generale nel paziente diabetico e/o cardiopatico.

Nei pazienti con immunodeficienze (pazienti oncologici, pazienti sieropositivi) la progressione della malattia parodontale è molto più rapida, poiché queste condizioni pregiudicano la capacità dell’organismo di difendersi dagli attacchi dei batteri anche a livello orale, favorendo dunque l’insorgenza di carie e malattia parodontale.

Parodontite